lunedì 6 aprile 2015

“French Connection” di Cédric Jimenez: la vera storia del giudice Pierre Michel, in lotta contro la malavita organizzata, nella Marsiglia degli anni 70.


Nel 1975, Marsiglia è considerata a tutti gli effetti la capitale mondiale dell’eroina; chi ne gestisce il traffico è La French, l’organizzazione mafiosa capitanata da Gaëtan Zampa (Gilles Lellouche), che esercita tra l’altro il proprio controllo su sale da gioco e locali notturni.
A contrastarne le azioni criminose viene quindi chiamato  il giudice Pierre Michel (Jean Dujardin), il quale si distingue fin da subito per la sua assoluta incorruttibilità.
Con il passare del tempo, l’uomo si ritrova sempre più emotivamente coinvolto nell’indagine che gli è stata affidata, al punto da trascurare la propria famiglia e mettere in pericolo la propria vita.
Sei anni più tardi verrà infatti ucciso in un agguato, mentre alla guida della sua moto sta rientrando a casa dalla moglie e dalle sue due figlie piccole.
Sebbene non ne sia direttamente coinvolto, dell’omicidio verrà immediatamente sospettato Zampa; per lui, questo segnerà l’inizio del suo rapido declino…


Ispirandosi alla vera storia del giudice Pierre Michel e alla sua lotta contro la malavita organizzata nella Marsiglia degli anni settanta, Cédric Jimenez ha realizzato un polar alquanto interessante, che solo nelle sale francesi ha superato il milione e mezzo di spettatori.
Sullo sfondo di una Costa Azzurra d’antan mirabilmente ricostruita con accurate scenografie, perennemente soleggiata ma resa alquanto malinconica da una fotografia in perfetto stile vintage, “French Connection” si focalizza sul doloroso confronto tra due uomini operanti sui due lati opposti della barricata e, in particolare, su quella che per l’eroico giudice divenne una vera e propria ossessione nei confronti del carismatico Zampa; ossessione che inevitabilmente fini per travolgere la vita di entrambi, e delle loro rispettive famiglie.
Per portare sullo schermo questo turbolento spaccato della storia francese, il regista si è avvalso della magistrale interpretazione di due dei più grandi talenti dell’attuale cinema d’Oltralpe: il premio Oscar Jean Dujardin, straordinariamente calato nel personaggio dell’integerrimo e tormentato giudice francese, e il bravissimo Gilles Lellouche, praticamente perfetto nella parte dello spietato e fascinoso padrino.
Amici nella vita reale, Dujardin e Lellouche si sono ritrovati antagonisti sullo schermo, sebbene insieme compaiano solamente in una scena: quella del memorabile incontro faccia a faccia tra Pierre Michel e  Gaëtan Zampa in un’isolata strada dell’entroterra della Costa Azzurra.


Titolo: French Connection La French )
Regia: Cédric Jimenez
Interpreti: Jean Dujardin, Gilles Lellouche, Céline Sallette, Mélanie Doutey, Benoît Magimel
Nazionalità: Francia, Belgio
Anno: 2014



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...