domenica 12 novembre 2017

“Il mio Godard” di Michel Hazanavicius: l’ironico e dissacrante ritratto di uno dei più grandi maestri del cinema.


Parigi 1967. Il regista Jean-Luc Godard ( Louis Garrel ) è all’apice della sua carriera cinematografica, adorato e osannato non solamente in Francia.
Nel tentativo di dare un’impronta meno borghese al proprio cinema, e fervente sostenitore del pensiero maoista, decide quindi di girare “La cinese”, che vede come protagonista femminile l’allora diciannovenne Anne Wiazemsky ( Stacy Martin ), della quale è follemente innamorato e con cui convola, sebbene in gran segreto, a nozze.
Diversamente da quelle che erano le sue aspettative, il film viene però accolto tutt’altro che entusiasticamente non solo dalla critica ma anche e soprattutto dal pubblico, abituato ad accorrere nelle sale per applaudire pellicole del grande maestro decisamente meno “ideologiche”.
Purtroppo, l’autore di capolavori del calibro di “Fino all’ultimo respiro” o “Il disprezzo” non esiste più, e questo essenzialmente perché il regista di origini svizzere sta attraversando una fase di profondo cambiamento a livello personale, ancora prima che artistico, che lo spinge ben presto a unirsi ai movimenti rivoluzionari giovanili dell’anno seguente, sebbene con risultati del tutto disastrosi.
Da parte sua, la moglie Anne, innamoratasi principalmente del Godard-artista, non può fare altro che assistere impotente alla “morte” del suo idolo, con l’inevitabile conseguenza che i suoi sentimenti nei confronti del Godard-uomo saranno ben presto destinati a cambiare…


Uscito il mese scorso anche nelle sale italiane, l’ultimo film di  Michel Hazanavicius narra l’appassionata e tormentata storia d’amore tra la giovane attrice Anne Wiazemsky e Jean-Luc Godard, uno dei più grandi maestri del cinema francese e mondiale, giungendo così a tratteggiare di quest’ultimo un ironico e dissacrante ritratto.
Tratto dall’autobiografia "Un an après" della Wiazemsky, qui interpretata dalla graziosa attrice francese Stacy Martin, “Il mio Godard” ci catapulta in un’affascinante Parigi di fine anni sessanta, alla vigilia dei ben noti movimenti rivoluzionari che ebbero il loro apice nel maggio del ‘68.
Con questa pellicola il regista premio Oscar per “The  artist”, pur rendendo omaggio a una delle più grandi icone del cinema francese e non solo, desidera al contempo evidenziare, sebbene con estremo garbo e ironia, gli aspetti contraddittori del suo pensiero; e indubbiamente è riuscito nel suo intento, grazie soprattutto alla magistrale interpretazione del camaleontico Louis Garrel, che con l’accento svizzero e gli inconfondibili occhiali dalla montatura nera, sullo schermo appare straordinariamente somigliante all’originale.



Titolo: Il mio Godard ( Le redoutable )
Regia : Michel Hazanavicius
Interpreti: Louis Garrel, Stacy Martin, Bérénice Bejo
Nazionalità: Francia
Anno: 2017

domenica 5 novembre 2017

“Ritorno in Borgogna” di Cédric Klapisch: un’emozionante pellicola incentrata sull’indissolubilità dei legami familiari, nonché sull’importanza delle nostre origini.


Sono trascorsi ben dieci anni da quando Jean ( Pio Marmaï ) si è allontanato dalla sua  famiglia, e dalla Borgogna, con l’intenzione di girare il mondo, ma soprattutto di fuggire dalle sue origini.
Adesso però, dopo essersi definitivamente stabilito in Australia con una compagna e un figlio, a causa della malattia del padre decide di tornare nei suoi luoghi natali, avendo così la possibilità di riunirsi anche con i due fratelli minori.
Mentre Juliette ( Ana Girardot ) si dimostra ben lieta di poterlo finalmente riabbracciare dopo così tanto tempo, Jérémie ( François Civil ) sembra invece decisamente più restio a volergli perdonare di aver interrotto nel corso degli ultimi anni ogni tipo di rapporto con loro.
La morte del genitore, sopraggiunta purtroppo poco dopo il ritorno a casa di Jean, costringerà inevitabilmente i tre fratelli a confrontarsi tra loro, non solamente per poter far fronte alle innumerevoli problematiche relative alla gestione del vigneto di famiglia e al pagamento delle tasse di successione, ma anche e soprattutto per riuscire a capire se dopo tanti anni, ed esperienze di vita differenti, esiste ancora qualcosa che li unisce…


L’ultima fatica cinematografica di Cédric Klapisch, regista francese già noto al pubblico italiano per il divertente “L’appartamento spagnolo” e i suoi due sequel, è una vera gioia per gli occhi e per lo spirito.
Sullo sfondo degli incantevoli paesaggi della campagna francese nel consueto e suggestivo susseguirsi delle stagioni, ci si commuove e ci si diverte, grazie anche all’indiscutibile bravura dei tre interpreti principali.
Ritorno in Borgogna è in effetti un’emozionante pellicola incentrata sull’indissolubilità dei legami familiari, nonché sull’importanza delle nostre origini.
La storia si sviluppa intorno alla contrastata relazione tra un padre e un figlio che non si è mai sentito stimato ( e quindi amato ) dal proprio genitore, senza ovviamente trascurare le inevitabili conseguenze  che tale rapporto irrisolto ha avuto sulle vite degli altri componenti della famiglia.
Sono le parole non dette ad aver tenuto Jean lontano da casa per dieci lunghi anni, nell’attesa di ricevere dal padre una lettera che però non è mai arrivata.
Purtroppo, è solamente dopo la morte di quest’ultimo che il giovane potrà finalmente avere tutte le risposte alle domande che fino a quel momento lo hanno tristemente tormentato; e in conseguenza di ciò sarà in grado di assumere una prospettiva completamente diversa nei confronti della propria vita nonché dei rapporti con le persone che lo circondano.


Titolo: Ritorno in Borgogna ( Ce qui nous lie )
Regia : Cédric Klapisch
Interpreti: Pio Marmaï, Ana Girardot, François Civil, Jean-Marc Roulot, María Valverde
Nazionalità: Francia
Anno: 2017
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...