lunedì 21 marzo 2016

“Marguerite” di Xavier Giannoli: il tragico destino di una donna che ha fatto del canto la sua unica ragione di vita.


Marguerite Dumont ( Catherine Frot ) è una ricca borghese che ha acquisito il titolo di baronessa a seguito di un matrimonio di convenienza.
Amante della musica, e in particolar modo dell’opera lirica, ha dedicato tutta la sua vita al “bel canto”, esibendosi, applaudita, all’interno della sua lussuosa dimora alle porte di Parigi, di fronte a una folta schiera di aristocratici appartenenti ad un’esclusiva associazione culturale. 
In tutto ciò non ci sarebbe alcunché di strano, se non fosse che Marguerite in realtà è completamente stonata e, conseguentemente, viene illusa di possedere incredibili doti canore da un gruppo di persone disposto ad ascoltarla solo per beneficiare delle sue cospicue donazioni o, peggio ancora, per deriderla alle sue spalle. 
Un giorno Lucien Beaumont ( Sylvain Dieuaide ), un giovane giornalista che ha assistito divertito a una delle sue esibizioni domestiche, comprendendo immediatamente il suo “potenziale”, decide di scrivere un articolo su di lei, dai toni tanto lusingatori quanto ambigui.
La donna ne rimane talmente entusiasta che, incitata dallo stesso Lucien e Kyrill ( Aubert Fenoy ) – un artista, amico di quest’ultimo – si convince che è finalmente giunto il momento di esibirsi nei teatri, di fronte a un “vero” pubblico.
Ciò che ne segue significherà la realizzazione del grande sogno di Marguerite ma, inevitabilmente, anche la sua tragica distruzione…


Liberamente tratto dalla vera storia di Florence Foster Jenkins – la celebre soprano che nell’America degli anni quaranta fece ampiamente parlare di sé per le sue singolari e discutibili performance canore, e che a breve vedremo sullo schermo interpretata da una sempre strepitosa Meryl Streep – “Marguerite” narra il tragico destino di una donna che ha fatto del canto la sua unica ragione di vita.
In effetti nella sua ultima pellicola Xavier Giannoli affronta la tematica del desiderio, insito in ognuno di noi, di riuscire a realizzare le proprie aspirazioni e, in particolare, il modo in cui ciò viene vissuto nel rapporto con se stessi e, ovviamente, con gli altri.
Sebbene la vicenda di "Marguerite" si svolga nella Parigi dei primi anni venti del secolo scorso, avrebbe comunque potuto essere ambientata ai nostri giorni, in considerazione della spietatezza che contraddistingue, oggi più che mai, il mondo dello show business.
Ancora prima della falsità e dell’opportunismo di chi la circonda, Marguerite è però vittima di se stessa e della sua incapacità di riconoscere, al di là della sua sconfinata passione per la musica, i propri limiti; e se questa sua incapacità, almeno inizialmente, conferisce un tono indiscutibilmente comico alla pellicola, il registro della narrazione finisce però per virare inevitabilmente sulla tragedia.
Catherine Frot, meritata vincitrice di uno dei quattro César assegnati alla fine dello scorso mese a “Marguerite”, si riconferma una delle attrici più versatili dell’attuale panorama cinematografico d’Oltralpe.
Ad affiancarla, troviamo poi un interessante cast di interpreti, tra i quali spicca il bravo Michel Fau nei panni del divertente e alquanto rassegnato maestro di canto di Marguerite.


Titolo: Marguerite ( Marguerite )
Regia: Xavier Giannoli
Interpreti: Catherine Frot, André Marcon, Michel Frau, Christa Theret
Nazionalità: Francia
Anno: 2015


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...