domenica 15 marzo 2015

“Un castello in Italia” di Valeria Bruni Tedeschi: una toccante storia dai chiari riferimenti autobiografici.


Parigi. Louise Rossi Levi ( Valeria Bruni Tedeschi ) è una quarantenne single di origini italiane; perennemente insoddisfatta, non è ancora riuscita a dare un indirizzo stabile alla propria vita.
Dopo aver condotto per anni un’esistenza agiata, si ritrova adesso a fare i conti con pesanti ristrettezze economiche; tant’è che, insieme alla madre ( Marisa Borini ) ed al fratello Ludovic ( Filippo Timi ), sta valutando l’opportunità di mettere in vendita l’antico castello di famiglia a Castagneto Po, nel tentativo di risanare le loro finanze.
Nel momento in cui Nathan ( Louis Garrel ), giovane attore in crisi d’ispirazione, inizia a farle una corte serrata, Louise intravede la possibilità di realizzare finalmente il proprio desiderio di maternità; purtroppo, però, le cose non vanno come da lei sperato.
A renderla ancora più emotivamente instabile, interviene poi un improvviso peggioramento delle condizioni di salute di Ludovic, malato di AIDS, e, poco dopo, la sua morte.
Fortunatamente, nel suo momento di massima disperazione, non tutto sembrerà comunque perduto per Louise…


Alla sua terza esperienza dietro alla macchina da presa, con “Un castello in Italia” Valeria Bruni Tedeschi ci regala una toccante storia dai chiari riferimenti autobiografici; ispirandosi infatti alle vicende della propria famiglia, mette in scena le infinite nevrosi di una donna costantemente in lotta con se stessa e, per questo, incapace di trovare una propria dimensione all’interno di un’esistenza in cui i suoi unici punti di riferimento, a volte fin troppo  ingombranti, sono rappresentati dalla madre,  magnificamente interpretata da un’intensa Marisa Borini ( madre della Bruni Tedeschi anche nella vita reale ) e Ludovic, con il quale intrattiene un rapporto di grande complicità; ed è proprio la figura di quest’ultimo il più significativo riferimento autobiografico contenuto in “Un castello in Italia”; infatti, come Louise, anche Valeria ha perduto un fratello a causa dell’AIDS: Vinicio, a cui la pellicola è dedicata.
Vi è poi un insistente e problematico corteggiatore, Nathan, con il quale Louise non mancherà di pasticciare ulteriormente la propria vita.
Uno dei meriti diUn castello in Italia” sta proprio nell’aver saputo unire con assoluta naturalezza il registro drammatico a quello comico; e, in effetti, le situazioni al limite del paradossale in cui Louise si ritrova di volta in volta coinvolta, riescono a stemperare l’enorme commozione suscitata dalle scene della malattia e della morte di Ludovic, nell’interpretare le quali Marisa Borini si è inevitabilmente ritrovata a rivivere tutto il dolore derivante dalla perdita del proprio figlio.


Titolo: Un castello in Italia ( Un chȃteau en Italie )
Regia: Valeria Bruni Tedeschi
Interpreti: Valeria Bruni Tedeschi, Louis Garrel, Filippo Timi, Marisa Borini
Nazionalità: Francia
Anno: 2013


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...